Close this notice
logo bridge
ATTENZIONE!
I contenuti di questo sito non sono più aggiornati!
Per trovare le informazioni che cerchi ed essere aggiornato sulle nostre iniziative ti consigliamo di visitare il sito www.bridgepartners.it
 



Materiali

Migliorare il servizio
alla clientela


Nuove tecnologie

Customer Satisfaction
 e servizi on-line

Fare promozione
attraverso
Internet

Princìpi
del Marketing
nell'era della Rete

Multicanalità e
strumenti di vendita

Le competenze per vendere
nell'era digitale

La nuova frontiera
del sito Web

Tecniche di comunicazione digitale

Vendere in tempi di crisi

Integrare vecchi e nuovi strumenti di Marketing


Strategie per la visibilità


Monitorare la concorrenza sulla Rete

Come rendere più fedeli i Clienti con il CRM

Nuovi strumenti del Marketing Relazionale

Reagire alla crisi di mercato

La gestione commerciale nelle imprese italiane

Cosa è il Marketing Relazionale

E-learning fattore di competitività

Il nuovo Marketing business to business


Come rendere più
efficace il sito Web



Internet come strumento di Promozione

Tendenze nel Marketing tra imprese

Il Piano Commerciale

Creare un valore aggiunto per il Cliente

Aumentare l'efficacia dell'azione commerciale

Gestione Commerciale e Marketing nella piccola impresa

Il valore aggiunto della newsletter digitale

Customer Satisfaction e Vision 2000

Vendere o Negoziare?

Il Piano commerciale(seconda parte)

Il Valore della Negoziazione

Come rilevare la Customer Satisfaction

Il Piano commerciale (terza parte)

Marketing Relazionale in Italia

Customer Satisfaction: perchè rilevarla?

Come raccogliere informazioni (I parte)

Il Valore della Negoziazione
(II parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(I parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(II parte)

Come raccogliere informazioni
(II parte)

Cosa è il CRM
(I parte)

L'analisi SWO

Fattori di successo nei mercati internazionali (III parte)

Fidelizzare il cliente: la Newsletter

Come gestire il cliente: i vantaggi del CRM (II parte)

Il Modello delle 3 C

Direct Marketing e Web/Digital Marketing a confronto

Perchè è importante investire nell'identità di marcaca?

Il Blog: opinioni e statistiche

La Matrice Mc Kinsey

Ma il tuo cliente è soddisfatto?

La rete è un potente strumento di Marketing: sfruttiamolo al meglio

Sviluppare nuovi prodotti e servizi: istruzioni per l'uso

Suggerimenti pratici per acquisire nuovi clienti

Aprire i mercati esteri: il caso Konsul

Operazione Customer Satisfaction

Il Business Plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali

Sette consigli per una negoziazione più efficace

Lavorare in squadra: quando il team fa la differenza

Il Business plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali (II parte)

Le attività di PR: un elemento della comunicazione integrata d'impresa

Si può davvero imparare a negoziare?

Il ciclo di vita del prodotto (PLC)

Perchè scegliere una politica di segmentazione del mercato?

Come posizionare un prodotto sul mercato?

La gestione di dati e informazioni come fattore competitivo: il caso Laser

Che differenza fa un buon negoziatore?

Le strategie competitive di Porter

Una strategia vincente: il direct marketing

La metodologia del Project Management

Trade marketing e Category management

La Matrice di Ansoff: uno strumento classico del Marketing Management

Identikit del Project Manager

Facciamo chiarezza sulla promozione delle vendite

Dalla strategia corporate alla strategia di marketing

Politiche di canale: strategia push o pull?

Aspetti strategici e organizzativi del trade marketing

La matrice General Electric

Il modello delle "CINQUE FORZE"

E' tempo di studiare

Le decisioni di gestione strategica

Come si struttura il piano di marketing?

Il modello Ashridge

11 motivi per pensare alla pianificazione strategic

L'arte di saper venderea

Una strenna di Natale per i lettori di "Marketing Digitale"

Creare valore: i nuovi strumenti del Marketing Interpersonale

Strategie di posizionamento del prodotto

Come competere con una strategia di differenziazione?

Un modello di marketing relazionale

Ascolto e customer satisfaction

Le strategie complessive

Le principali decisioni di marketing: clienti/offerta

Il Marketing Virale

Stickering - campagne di marketing a tutto brand

Le strategie complessive (II parte)

Guerriglia Marketing - caso IKEA

Controllo delle attività di marketing

Guerriglia marketing: case history (II parte)

Perchè pianificare il marketing?

A cosa serve il White Paper?

Come capire quando la rete interna di informazioni funziona a dovere

Come realizzare un'indagine di customer satisfaction?

Come strutturare e gestire un focus group


Come prevenire una crisi dal punto di vista comunicativo

Strutture organizzative orientate al cliente

Il brainstorming per individuare soluzioni creative

L'intervista come strumento di rilevazione dati

A che cosa serve il budgeting?

Il posto del marketing nell'organizzazione dell'impres

Il ciclo di vita di un progettoa

IDownload: Glossario di Marketing


Richiedi
la Newsletter



La rete è un potente strumento di Marketing: sfruttiamolo al meglio

Oggi sia le piccole che le medie aziende hanno ancora perplessità nel realizzare il loro sito Internet. Se la perplessità è quella relativa ai pochi risultati che si hanno con la presenza sul web, la considerazione è che proprio questo è il momento migliore per approfittarne.

Finora la maggior parte delle aziende ha considerato Internet come una vetrina, uno spot pubblicitario o un avviso su un giornale. Considerando che su Internet di vetrine ce ne sono alcune centinaia di milioni è ovvio che la strategia è stata deludente ma non il mezzo che rimane comunque uno strumento straordinario.

Basta pensare come oggi viene utilizzato Internet dalle aziende, per comprendere che non ci vuole poi molto per creare un business in rete e battere la concorrenza. Il segreto consiste nel continuare dal punto in cui la maggior parte delle aziende si è fermato e cioè dal sito. Se appena fatto il sito la concorrenza si ferma, ebbene da quel punto avete la strada libera per conquistarvi clienti.

E' necessario sollecitare i potenziali clienti attraverso contatti diretti in rete. Per evitare lo spamming, che è pubblicità indesiderata, occorre avere l'accortezza di costruire proposte via e mail che suscitino un interesse nel vostro interlocutore. Prevedere nelle proposte sconti, premi, collaborazioni, informazioni (questo dipende dal tipo di attività svolta dall'azienda): è il miglior sistema per avere un riscontro. Per evitare di ricontattare coloro che non hanno interesse alle proposte, per i destinatari la occorre prevedere la possibilità di cancellazione dell'indirizzo dalla lista di spedizione.

A chi conviene fare business su Internet?

Sono certamente privilegiate sia le aziende che hanno più facilità nel mettere in piedi operazioni di marketing, che le imprese business to business, ovvero le aziende che vendono prodotti e servizi ad altre aziende, perchè gli sarà semplice definire il target da raggiungere e individuarlo in rete.

Il settore del software ed hardware è sicuramente più avvantaggiato rispetto ad un produttore caseario che vuole raggiungere negozi alimentari, il settore dei mobili per ufficio ha molte più chances rispetto al produttore di caffè interessato a contattare i bar. Insomma se il vostro target è abbastanza rappresentato su Internet le possibilità di fare business aumentano vertiginosamente.

Possiamo aggiungere però che quest'ultima considerazione potrebbe risultare errata con l'incredibile sviluppo di Internet. Non passerà molto tempo per vedere la presenza in rete della quasi totalità delle aziende. Allora saranno proprio le imprese che avranno creduto a questo sviluppo anticipando i tempi nelle azioni di marketing ad avere la meglio sulla concorrenza.

Le strategie di Cross Marketing

Per valorizzare maggiormente il sito ed ottenere dei risultati ancora più significativi è necessario integrare Internet ad altri mezzi. Se esistono programmi di investimento in pubblicità sui mezzi tradizionali (affissione, stampa, radio, direct marketing ecc.) è il caso di prevedere strategie di cross marketing per potenziare l'efficacia di questi mezzi.

Un manifesto o un avviso in cui compare l'indirizzo Internet nel quale un potenziale cliente possa chiedere un omaggio, informazioni specifiche o addirittura partecipare ad un concorso costituisce il sistema per attirare e incuriosire maggiormente il target.

Se l'azienda dispone di una rete di vendita con rappresentanti o venditori, si possono trovare facilmente sistemi per valorizzare i loro contatti attraverso Internet. Anche se gli interlocutori sono distributori o clienti diretti è possibile prevedere azioni mirate per coinvolgerli. Non bisogna dimenticare poi che su ogni stampato aziendale occorre inserire l'indirizzo Internet. Ciò significa avere innumerevoli opportunità durante l'anno di contatti da parte di clienti effettivi e potenziali.

L’interfaccia persuasiva

Quando si progetta il sito Web non bisogna pensare soltanto al design dell'interfaccia come ad una struttura grafica facile da navigare e da comprendere, semplice e pulita, ma occorre badare a creare anche l'interfaccia persuasiva, quella che oltre alla facilità di navigazione e di apprendimento offre anche l'invito a compiere una determinata azione, che suscita emozioni e che invita all'azione.

Gli aspetti fondamentali che sono aggiunti al metodo tradizionale sono strettamente legati alla misura in cui l'interfaccia persuasiva convince il navigatore a passare all'azione in un sito Web.
Non si parla quindi di consultare semplicemente le pagine del web, ma di:

- incitare l'utente a fare un acquisto on line;
- incitare l'utente a compilare un form;
- incitare l'utente a rispondere ad un sondaggio o a lasciare un feedback;
- dare la fiducia necessaria ed incitare l'utente ad inserire i propri dati per iscriversi ad una newsletter.

Per realizzare tutto questo, un'interfaccia deve essere interessante, visibile, accessibile, facile da navigare, affidabile e credibile, deve invitare all'azione ed avere degli stimoli persuasivi validi.

Il primo passo verso l'interfaccia persuasiva è lo stimolo emozionale, cioè il marketing emotivo, un fattore sempre più importante nella progettazione di un sito web.

Una buona interfaccia è l'interfaccia utilizzabile, credibile ed attraente.

Un'interfaccia per riuscire a convincere deve raccontare una storia e deve far appello al lato emozionale, deve essere seducente per far entrare in gioco, deve essere amichevole senza essere troppo invasiva.

Si può dire allora che la tecnica è cambiata, il benefit marketing, basato sulle sue regole precise e razionali lascia il via libera al marketing emotivo, che cerca di conquistare una parte della mente del visitatore e di sedurre il suo cuore. Dare al visitatore la sensazione di essere a casa (si sa che per la maggior parte delle persone la casa rappresenta il luogo più rassicurante, il posto affidabile e credibile in assoluto, dove nessuno ci può colpire o toccare) ed instaurare insieme un rapporto di fiducia e di complicità può essere una via vincente.

Parlando della progettazione dell'interfaccia creativa occorre tener conto di 3 fattori importanti:

1) L'allocazione dello spazio visivo e la divisione in zone di massimo interesse.
Contrariamente alle regole della usabilità tradizionale, si valuta come ottima la presenza di un banner/slogan (immagine o testo) che incita all'azione in una zona di forte visibilità.

2) Progettare una grafica creativa
Un banner messo nella zona giusta non vuol dire nulla se non è un banner creativo, unico nel suo modo e bello, che colpisce la parte emotiva. L'apparenza è fondamentale: la sua dimensione, il suo volume/peso, l'uso dei vari effetti grafici: l'ombra, la trasparenza, ecc.

3) Scrivere bene
Il testo del messaggio deve colpire l'utente e nello stesso tempo spingere all'azione. Si consiglia di utilizzare la seconda persona singolare per avere un impatto più diretto e più conciso con il visitatore.

Per leggere gli altri articoli clicca qui

 

Copyright (c) 2006. Tutti i diritti riservati