Close this notice
logo bridge
ATTENZIONE!
I contenuti di questo sito non sono più aggiornati!
Per trovare le informazioni che cerchi ed essere aggiornato sulle nostre iniziative ti consigliamo di visitare il sito www.bridgepartners.it
 



Materiali

Migliorare il servizio
alla clientela


Nuove tecnologie

Customer Satisfaction
 e servizi on-line

Fare promozione
attraverso
Internet

Princìpi
del Marketing
nell'era della Rete

Multicanalità e
strumenti di vendita

Le competenze per vendere
nell'era digitale

La nuova frontiera
del sito Web

Tecniche di comunicazione digitale

Vendere in tempi di crisi

Integrare vecchi e nuovi strumenti di Marketing


Strategie per la visibilità


Monitorare la concorrenza sulla Rete

Come rendere più fedeli i Clienti con il CRM

Nuovi strumenti del Marketing Relazionale

Reagire alla crisi di mercato

La gestione commerciale nelle imprese italiane

Cosa è il Marketing Relazionale

E-learning fattore di competitività

Il nuovo Marketing business to business


Come rendere più
efficace il sito Web



Internet come strumento di Promozione

Tendenze nel Marketing tra imprese

Il Piano Commerciale

Creare un valore aggiunto per il Cliente

Aumentare l'efficacia dell'azione commerciale

Gestione Commerciale e Marketing nella piccola impresa

Il valore aggiunto della newsletter digitale

Customer Satisfaction e Vision 2000

Vendere o Negoziare?

Il Piano commerciale(seconda parte)

Il Valore della Negoziazione

Come rilevare la Customer Satisfaction

Il Piano commerciale (terza parte)

Marketing Relazionale in Italia

Customer Satisfaction: perchè rilevarla?

Come raccogliere informazioni (I parte)

Il Valore della Negoziazione
(II parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(I parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(II parte)

Come raccogliere informazioni
(II parte)

Cosa è il CRM
(I parte)

L'analisi SWO

Fattori di successo nei mercati internazionali (III parte)

Fidelizzare il cliente: la Newsletter

Come gestire il cliente: i vantaggi del CRM (II parte)

Il Modello delle 3 C

Direct Marketing e Web/Digital Marketing a confronto

Perchè è importante investire nell'identità di marcaca?

Il Blog: opinioni e statistiche

La Matrice Mc Kinsey

Ma il tuo cliente è soddisfatto?

La rete è un potente strumento di Marketing: sfruttiamolo al meglio

Sviluppare nuovi prodotti e servizi: istruzioni per l'uso

Suggerimenti pratici per acquisire nuovi clienti

Aprire i mercati esteri: il caso Konsul

Operazione Customer Satisfaction

Il Business Plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali

Sette consigli per una negoziazione più efficace

Lavorare in squadra: quando il team fa la differenza

Il Business plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali (II parte)

Le attività di PR: un elemento della comunicazione integrata d'impresa

Si può davvero imparare a negoziare?

Il ciclo di vita del prodotto (PLC)

Perchè scegliere una politica di segmentazione del mercato?

Come posizionare un prodotto sul mercato?

La gestione di dati e informazioni come fattore competitivo: il caso Laser

Che differenza fa un buon negoziatore?

Le strategie competitive di Porter

Una strategia vincente: il direct marketing

La metodologia del Project Management

Trade marketing e Category management

La Matrice di Ansoff: uno strumento classico del Marketing Management

Identikit del Project Manager

Facciamo chiarezza sulla promozione delle vendite

Dalla strategia corporate alla strategia di marketing

Politiche di canale: strategia push o pull?

Aspetti strategici e organizzativi del trade marketing

La matrice General Electric

Il modello delle "CINQUE FORZE"

E' tempo di studiare

Le decisioni di gestione strategica

Come si struttura il piano di marketing?

Il modello Ashridge

11 motivi per pensare alla pianificazione strategic

L'arte di saper venderea

Una strenna di Natale per i lettori di "Marketing Digitale"

Creare valore: i nuovi strumenti del Marketing Interpersonale

Strategie di posizionamento del prodotto

Come competere con una strategia di differenziazione?

Un modello di marketing relazionale

Ascolto e customer satisfaction

Le strategie complessive

Le principali decisioni di marketing: clienti/offerta

Il Marketing Virale

Stickering - campagne di marketing a tutto brand

Le strategie complessive (II parte)

Guerriglia Marketing - caso IKEA

Controllo delle attività di marketing

Guerriglia marketing: case history (II parte)

Perchè pianificare il marketing?

A cosa serve il White Paper?

Come capire quando la rete interna di informazioni funziona a dovere

Come realizzare un'indagine di customer satisfaction?

Come strutturare e gestire un focus group


Come prevenire una crisi dal punto di vista comunicativo

Strutture organizzative orientate al cliente

Il brainstorming per individuare soluzioni creative

L'intervista come strumento di rilevazione dati

A che cosa serve il budgeting?

Il posto del marketing nell'organizzazione dell'impres

Il ciclo di vita di un progettoa

IDownload: Glossario di Marketing


Richiedi
la Newsletter



Il posizionamento del prodotto: cos'è e come si può utilizzare


Il posizionamento del prodotto è l’insieme delle decisioni e delle attività che hanno lo scopo di creare e mantenere un certo concetto del prodotto dell’impresa (rispetto alle marche concorrenti) nella mente dei clienti.

Quando le imprese introducono un prodotto, tentano di posizionarlo in modo tale che sia percepito come in possesso delle caratteristiche maggiormente desiderate dal mercato target. La posizione del prodotto è il risultato delle percezioni degli attributi di esso da parte dei clienti rispetto a quelle delle marche concorrenti.

Gli acquirenti prendono numerose decisioni d’acquisto su base regolare. Per evitare una rivalutazione continua di numerosi prodotti, gli acquirenti tendono a raggruppare, o “posizionare”, i prodotti nella propria mente semplificando così le decisioni d’acquisto. Invece di permettere che gli acquirenti posizionino i prodotti autonomamente, le imprese servendosi della pubblicità, tentano spesso di influenzare i concetti o le percezioni dei prodotti da parte dei clienti.

Le imprese analizzano talvolta le posizioni dei prodotti sviluppando mappe percettive - o di posizionamento. Per creare mappe percettive le imprese pongono domande a un campione di clienti sulle loro percezioni di prodotti, marche e imprese rispetto a due o più variabili di analisi.

Ad esempio nella seguente mappa di posizionamento, ipotizzando che il prodotto sia un orologio da polso, sono state individuate quattro variabili: costoso, poco costoso, classico, sportivo, i simboli rappresentati sulla mappa identificano il posizionamento delle ipotetiche marche di orologi da polso.

La logica per il posizionamento del prodotto

- impostazione dell’intera politica relativa al marketing mix;
- sintesi delle analisi della fase conoscitiva;
- collocazione del prodotto nei processi di scelta e nelle preferenze del consumatore;
- il marketing mix (compresa la comunicazione) deve essere definito in modo coerente rispetto alla “posizione” del prodotto pianificata;
- prodotto come insieme di attributi e caratteristiche differenziabili;
- la conoscenza del posizionamento è una condizione preliminare per ogni decisione di marketing.

Decisioni di posizionamento

1. Definizione del posizionamento:
- cosa ricerca il consumatore;
- come valuta l’offerta dell’impresa;
- come valuta l’offerta della concorrenza;

2. Il ruolo del consumatore è “chiave”:
- analisi delle percezioni rispetto alla presenza nel prodotto di dati attributi dei quali si valuta;
- l’importanza e l’intensità;
- la stessa analisi si conduce con i prodotti concorrenti;
- mappa delle percezioni;
- mappa delle preferenze e prodotto ideale;

3. Dall’analisi conseguono delle decisioni:
- mantenere il posizionamento, riposizionare, lanciare un nuovo prodotto;

4. Per attributi: associare il prodotto a una o più caratteristiche distintive;

5. Prezzo / qualità: utilizzato per prodotti con elevate implicazioni di status;

6. Per modalità d’uso: associare al prodotto un uso specifico;

7. Per segmento di clientela: differenziazione esclusiva in funzione delle caratteristiche dei consumatori che formano il segmento di mercato;

8. Confronto con la concorrenza: specificazione delle differenze rispetto alle marche concorrenti.

I requisiti di un posizionamento di successo (Ries e Trout – 1982)

1. Chiarezza
L’idea sulla quale il posizionamento si basa deve comunicare al target con chiarezza quale sia il vantaggio offerto; deve essere facile da capire e da ricordare.

2. Coerenza
Il consumatore è bersaglio di molte comunicazioni che si affollano nella mente creando confusione. La proposta, oltre ad essere chiara ed incisiva, deve rimanere a lungo nel tempo per essere scolpita nella mente del consumatore.

3. Credibilità
Il vantaggio differenziale con il quale l’impresa cerca di posizionarsi rispetto ai rivali deve essere credibile.

4. Competitività
Il posizionamento ha successo se è basato su un sicuro vantaggio rispetto ai rivali. Il consumatore deve percepire che il prodotto o il servizio crea per il cliente un valore superiore.

Per leggere gli altri articoli clicca qui

 

Copyright (c) 2006. Tutti i diritti riservati