Close this notice
logo bridge
ATTENZIONE!
I contenuti di questo sito non sono più aggiornati!
Per trovare le informazioni che cerchi ed essere aggiornato sulle nostre iniziative ti consigliamo di visitare il sito www.bridgepartners.it
 



Materiali

Migliorare il servizio
alla clientela


Nuove tecnologie

Customer Satisfaction
 e servizi on-line

Fare promozione
attraverso
Internet

Princìpi
del Marketing
nell'era della Rete

Multicanalità e
strumenti di vendita

Le competenze per vendere
nell'era digitale

La nuova frontiera
del sito Web

Tecniche di comunicazione digitale

Vendere in tempi di crisi

Integrare vecchi e nuovi strumenti di Marketing


Strategie per la visibilità


Monitorare la concorrenza sulla Rete

Come rendere più fedeli i Clienti con il CRM

Nuovi strumenti del Marketing Relazionale

Reagire alla crisi di mercato

La gestione commerciale nelle imprese italiane

Cosa è il Marketing Relazionale

E-learning fattore di competitività

Il nuovo Marketing business to business


Come rendere più
efficace il sito Web



Internet come strumento di Promozione

Tendenze nel Marketing tra imprese

Il Piano Commerciale

Creare un valore aggiunto per il Cliente

Aumentare l'efficacia dell'azione commerciale

Gestione Commerciale e Marketing nella piccola impresa

Il valore aggiunto della newsletter digitale

Customer Satisfaction e Vision 2000

Vendere o Negoziare?

Il Piano commerciale(seconda parte)

Il Valore della Negoziazione

Come rilevare la Customer Satisfaction

Il Piano commerciale (terza parte)

Marketing Relazionale in Italia

Customer Satisfaction: perchè rilevarla?

Come raccogliere informazioni (I parte)

Il Valore della Negoziazione
(II parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(I parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(II parte)

Come raccogliere informazioni
(II parte)

Cosa è il CRM
(I parte)

L'analisi SWO

Fattori di successo nei mercati internazionali (III parte)

Fidelizzare il cliente: la Newsletter

Come gestire il cliente: i vantaggi del CRM (II parte)

Il Modello delle 3 C

Direct Marketing e Web/Digital Marketing a confronto

Perchè è importante investire nell'identità di marcaca?

Il Blog: opinioni e statistiche

La Matrice Mc Kinsey

Ma il tuo cliente è soddisfatto?

La rete è un potente strumento di Marketing: sfruttiamolo al meglio

Sviluppare nuovi prodotti e servizi: istruzioni per l'uso

Suggerimenti pratici per acquisire nuovi clienti

Aprire i mercati esteri: il caso Konsul

Operazione Customer Satisfaction

Il Business Plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali

Sette consigli per una negoziazione più efficace

Lavorare in squadra: quando il team fa la differenza

Il Business plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali (II parte)

Le attività di PR: un elemento della comunicazione integrata d'impresa

Si può davvero imparare a negoziare?

Il ciclo di vita del prodotto (PLC)

Perchè scegliere una politica di segmentazione del mercato?

Come posizionare un prodotto sul mercato?

La gestione di dati e informazioni come fattore competitivo: il caso Laser

Che differenza fa un buon negoziatore?

Le strategie competitive di Porter

Una strategia vincente: il direct marketing

La metodologia del Project Management

Trade marketing e Category management

La Matrice di Ansoff: uno strumento classico del Marketing Management

Identikit del Project Manager

Facciamo chiarezza sulla promozione delle vendite

Dalla strategia corporate alla strategia di marketing

Politiche di canale: strategia push o pull?

Aspetti strategici e organizzativi del trade marketing

La matrice General Electric

Il modello delle "CINQUE FORZE"

E' tempo di studiare

Le decisioni di gestione strategica

Come si struttura il piano di marketing?

Il modello Ashridge

11 motivi per pensare alla pianificazione strategic

L'arte di saper venderea

Una strenna di Natale per i lettori di "Marketing Digitale"

Creare valore: i nuovi strumenti del Marketing Interpersonale

Strategie di posizionamento del prodotto

Come competere con una strategia di differenziazione?

Un modello di marketing relazionale

Ascolto e customer satisfaction

Le strategie complessive

Le principali decisioni di marketing: clienti/offerta

Il Marketing Virale

Stickering - campagne di marketing a tutto brand

Le strategie complessive (II parte)

Guerriglia Marketing - caso IKEA

Controllo delle attività di marketing

Guerriglia marketing: case history (II parte)

Perchè pianificare il marketing?

A cosa serve il White Paper?

Come capire quando la rete interna di informazioni funziona a dovere

Come realizzare un'indagine di customer satisfaction?

Come strutturare e gestire un focus group


Come prevenire una crisi dal punto di vista comunicativo

Strutture organizzative orientate al cliente

Il brainstorming per individuare soluzioni creative

L'intervista come strumento di rilevazione dati

A che cosa serve il budgeting?

Il posto del marketing nell'organizzazione dell'impres

Il ciclo di vita di un progettoa

IDownload: Glossario di Marketing


Richiedi
la Newsletter



Sette consigli per essere dei negoziatori più efficaci

La negoziazione è un’attività svolta da tutti, anche nella vita quotidiana e nel privato. Raramente, però, la affrontiamo con metodo: in generale ci fidiamo troppo delle nostre capacità personali e riteniamo di essere dei buoni negoziatori naturali.

Il rischio al quale ci esponiamo, comportandoci in questo modo, è molto elevato, specialmente quando la trattativa ci mette a confronto con persone che, per cultura o abitudini, affrontano la negoziazione con preparazione e strategia.

In questi casi, affidarsi alla capacità di improvvisare significa accettare di partire in una posizione di inferiorità rispetto all’interlocutore. Che si parli di una vendita, un acquisto o della ricerca di un accordo tra colleghi, il negoziatore che applica un metodo sarà quello che condurrà la trattativa e godrà di una posizione di vantaggio.

Ecco alcuni suggerimenti pratici utili per migliorare la propria efficacia negoziale:

· Consapevolezza: è importante essere consapevoli della differenza tra posizioni ed interessi. Se riuscite ad individuare i motivi che spingono voi e il vostro interlocutore a ricercare un determinato risultato, allora state esaminando gli interessi. Gli interessi sono le basi per costruire accordi durevoli.

· Creatività: provate ad uscire dallo schema del “si è fatto sempre così”. Utilizzando tecniche di brainstorming, ascoltando anche le proposte bizzarre, mostrandosi aperti a nuovi approcci e idee si può espandere l’arena negoziale e individuare nuove possibilità di accordo. Proponendo nuove soluzioni e individuando percorsi alternativi è possibile giungere a risultati più vantaggiosi per entrambe le parti. La creatività può veramente cerare valore per tutti.

· Equità: se le persone giudicano equo il modo di procedere, sono più propense ad assumersi degli impegni e meno disposte ad abbandonare il tavolo della trattativa. A volte può essere utile il ricorso ad una fonte esterna e neutrale per definire i parametri di equità (un dizionario, un test di laboratorio, ecc.)

· Assunzione d’impegni: è preferibile non assumersi impegni ai quali non si è in grado di assolvere o per i quali non si possiede la necessaria autorità decisionale. Il vostro impegno non porta a risultati se il vostro interlocutore non è in grado di prendere delle decisioni.

· Ascolto attivo: il processo di comunicazione comporta che l’informazione si trasferisca da una fonte emittente ad un ricevente. Spesso, invece di ascoltare la controparte, ci si concentra su come avere la meglio nella trattativa. La conseguenza è che non si ascoltano le parole ed i significati che invece aiuterebbero a comprendere i reali interessi dell’interlocutore. Inoltre mostrare all’altra parte di averne realmente ascoltato le argomentazioni, può servire per guadagnare una maggior attenzione nei confronti delle proprie. Le tecniche di ascolto attivo possono contribuire a modificare le regole del gioco e a rendere più costruttivo l’approccio negoziale.

· Relazioni interpersonali: il rapporto è un elemento fondamentale in qualsiasi negoziato. Nella maggior parte dei casi si negozia con persone con le quali la relazione è di tipo continuativo (clienti, fornitori, funzionari di banca, ecc.). In questi casi, riconoscere la priorità del rapporto significa capire che una piccola concessione nell’ambito di una trattativa può rappresentare un costo a breve termine, ma si può trasformare in beneficio nel lungo periodo.

· Alternative alla negoziazione: è opportuno essere consapevoli che non è sempre necessario ricorrere alla negoziazione. Se si ritiene di poter ottenere un risultato migliore ricorrendo a strategie alternative, allora è bene pensarci con il necessario anticipo. Pertanto la preparazione è un aspetto cruciale di qualsiasi negoziazione. Il vostro compito non è quello di delineare a priori una soluzione perfetta: ciò significherebbe prendere una posizione. Prepararsi significa analizzare gli interessi e gli obiettivi di tutti i partecipanti alla negoziazione. Significa anticipare le conseguenze che le proposte avanzate avranno per tutti gli interessati nel breve e medio periodo. Una preparazione accurata permette di rendere più efficace e produttivo il tempo dedicato alla negoziazione.

Per leggere gli altri articoli clicca qui


Copyright (c) 2006. Tutti i diritti riservati