Close this notice
logo bridge
ATTENZIONE!
I contenuti di questo sito non sono più aggiornati!
Per trovare le informazioni che cerchi ed essere aggiornato sulle nostre iniziative ti consigliamo di visitare il sito www.bridgepartners.it
 



Materiali

Migliorare il servizio
alla clientela


Nuove tecnologie

Customer Satisfaction
 e servizi on-line

Fare promozione
attraverso
Internet

Princìpi
del Marketing
nell'era della Rete

Multicanalità e
strumenti di vendita

Le competenze per vendere
nell'era digitale

La nuova frontiera
del sito Web

Tecniche di comunicazione digitale

Vendere in tempi di crisi

Integrare vecchi e nuovi strumenti di Marketing


Strategie per la visibilità


Monitorare la concorrenza sulla Rete

Come rendere più fedeli i Clienti con il CRM

Nuovi strumenti del Marketing Relazionale

Reagire alla crisi di mercato

La gestione commerciale nelle imprese italiane

Cosa è il Marketing Relazionale

E-learning fattore di competitività

Il nuovo Marketing business to business


Come rendere più
efficace il sito Web



Internet come strumento di Promozione

Tendenze nel Marketing tra imprese

Il Piano Commerciale

Creare un valore aggiunto per il Cliente

Aumentare l'efficacia dell'azione commerciale

Gestione Commerciale e Marketing nella piccola impresa

Il valore aggiunto della newsletter digitale

Customer Satisfaction e Vision 2000

Vendere o Negoziare?

Il Piano commerciale(seconda parte)

Il Valore della Negoziazione

Come rilevare la Customer Satisfaction

Il Piano commerciale (terza parte)

Marketing Relazionale in Italia

Customer Satisfaction: perchè rilevarla?

Come raccogliere informazioni (I parte)

Il Valore della Negoziazione
(II parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(I parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(II parte)

Come raccogliere informazioni
(II parte)

Cosa è il CRM
(I parte)

L'analisi SWO

Fattori di successo nei mercati internazionali (III parte)

Fidelizzare il cliente: la Newsletter

Come gestire il cliente: i vantaggi del CRM (II parte)

Il Modello delle 3 C

Direct Marketing e Web/Digital Marketing a confronto

Perchè è importante investire nell'identità di marcaca?

Il Blog: opinioni e statistiche

La Matrice Mc Kinsey

Ma il tuo cliente è soddisfatto?

La rete è un potente strumento di Marketing: sfruttiamolo al meglio

Sviluppare nuovi prodotti e servizi: istruzioni per l'uso

Suggerimenti pratici per acquisire nuovi clienti

Aprire i mercati esteri: il caso Konsul

Operazione Customer Satisfaction

Il Business Plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali

Sette consigli per una negoziazione più efficace

Lavorare in squadra: quando il team fa la differenza

Il Business plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali (II parte)

Le attività di PR: un elemento della comunicazione integrata d'impresa

Si può davvero imparare a negoziare?

Il ciclo di vita del prodotto (PLC)

Perchè scegliere una politica di segmentazione del mercato?

Come posizionare un prodotto sul mercato?

La gestione di dati e informazioni come fattore competitivo: il caso Laser

Che differenza fa un buon negoziatore?

Le strategie competitive di Porter

Una strategia vincente: il direct marketing

La metodologia del Project Management

Trade marketing e Category management

La Matrice di Ansoff: uno strumento classico del Marketing Management

Identikit del Project Manager

Facciamo chiarezza sulla promozione delle vendite

Dalla strategia corporate alla strategia di marketing

Politiche di canale: strategia push o pull?

Aspetti strategici e organizzativi del trade marketing

La matrice General Electric

Il modello delle "CINQUE FORZE"

E' tempo di studiare

Le decisioni di gestione strategica

Come si struttura il piano di marketing?

Il modello Ashridge

11 motivi per pensare alla pianificazione strategic

L'arte di saper venderea

Una strenna di Natale per i lettori di "Marketing Digitale"

Creare valore: i nuovi strumenti del Marketing Interpersonale

Strategie di posizionamento del prodotto

Come competere con una strategia di differenziazione?

Un modello di marketing relazionale

Ascolto e customer satisfaction

Le strategie complessive

Le principali decisioni di marketing: clienti/offerta

Il Marketing Virale

Stickering - campagne di marketing a tutto brand

Le strategie complessive (II parte)

Guerriglia Marketing - caso IKEA

Controllo delle attività di marketing

Guerriglia marketing: case history (II parte)

Perchè pianificare il marketing?

A cosa serve il White Paper?

Come capire quando la rete interna di informazioni funziona a dovere

Come realizzare un'indagine di customer satisfaction?

Come strutturare e gestire un focus group


Come prevenire una crisi dal punto di vista comunicativo

Strutture organizzative orientate al cliente

Il brainstorming per individuare soluzioni creative

L'intervista come strumento di rilevazione dati

A che cosa serve il budgeting?

Il posto del marketing nell'organizzazione dell'impres

Il ciclo di vita di un progettoa

IDownload: Glossario di Marketing


Richiedi
la Newsletter



Internet come strumento di promozione nelle imprese italiane:
le prospettive

Sono trascorsi ormai alcuni anni da quando la Rete è stata presentata alle imprese quale nuovo strumento di comunicazione e promozione delle vendite.

Superata la prima fase di incertezza, oggi è chiaro a tutti che lo sviluppo di Internet come supporto a qualsiasi attività d’impresa, è irreversibile.

In tantissimi settori la Rete è già diventata un insostituibile strumento di dialogo tra le imprese ed i propri clienti. In generale il Web è servito a molte imprese per migliorare il livello del servizio alla clientela, attraverso l’offerta di nuovi servizi informativi e la riduzione dei tempi di risposta.

Ma quante sono le aziende italiane che oggi sfruttano al meglio le potenzialità di Internet per soddisfare i propri clienti? Quali tipi di servizi si sono maggiormente sviluppati? Quali sono le prospettive?

Cercheremo di rispondere qui a queste domande, avvalendoci di una sintesi dei dati presentati ad un recente convegno sul futuro dell’E-Business in Italia, svoltosi presso la Camera di Commercio di Torino.

Si tratta dei risultati di indagini svolte dalla società MATE, in collaborazione con Commercio Elettronico Italia e pubblicate con cadenza annuale nell’Osservatorio Net Economy.

Presenza di un sito internet aziendale

Partendo da questo primo indicatore, è interessante rilevare che il 71,6% delle piccole e medie imprese italiane dichiara di possedere un sito internet aziendale ed il 7,7% afferma di volerlo realizzare a breve.

Esaminando la sola fascia delle medie imprese (oltre 100 addetti), la percentuale delle aziende che possiede un sito cresce per toccare l’88% ed un 7% dichiara di volerlo realizzare a breve.

Questi dati indicano che la penetrazione della rete come mezzo di visibilità per le imprese è oramai elevatissima. Nel prossimo futuro sarà raro imbattersi i un’impresa, anche di piccole dimensioni che non disponga di un sito internet aziendale, anche soltanto composto da poche pagine di presentazione.

Le funzioni dei siti aziendali

Nella quasi totalità dei siti d’impresa (95% circa) è prevista una presentazione aziendale, e questo conferma l’interpretazione principale del sito, quale “vetrina” dell’azienda e delle sue attività.

Inoltre circa l’80% delle imprese dichiara di avere inserito nel proprio sito aziendale un catalogo. Si tratta prevalentemente di cataloghi costruiti con pagine statiche: soltanto un 27% delle aziende dispone di un catalogo dinamico, in grado cioè di contenere informazioni che possono essere costantemente aggiornate dall’impresa.

Per quanto riguarda la presenza di funzionalità interattive nel sito (es: verifica on line delle disponibilità di magazzino, possibilità di verifica degli ordini emessi, gestione delle richieste d’offerta, ecc.), soltanto il 9% delle aziende dichiara di averle attivate.

Infine, la presenza di punti vendita aziendali “on line” è limitata al 5,5% dei casi.

I dati sopra riportati dimostrano quanto sia ancora poco diffusa l’opinione che il sito Internet possa assumere il ruolo di uno strumento di lavoro e di relazione tra l’azienda e i suoi clienti.

Tipi di interattività previsti nel sito

Le aziende che indicano la presenza di servizi interattivi, forniscono ai propri clienti: la gestione degli ordini (64% dei casi), la gestione delle richieste d’offerta personalizzate (52%), il “tracking” dell’ordine (44%), la possibilità di effettuare pagamenti on line (33%), la consegna di beni digitali (17%).

Considerando il settore delle imprese che operano con altre imprese (b-to-b), si nota che l’uso interattivo del sito si affianca alle modalità tradizionali di gestione delle offerte e degli ordini (fax, telefono, contatto personale).

Comportamenti di acquisto delle aziende

E’ interessante notare che anche dal punto di vista degli acquisti e della ricerca di fornitori vi sia una tendenza crescente all’utilizzo di Internet.

Le motivazioni che spingono le imprese ad utilizzare la rete per questa finalità sono molteplici:
- riduzione dei costi (42%)
- miglioramento del rapporto qualità/prezzo (33%)
- riduzione dei tempi ordine/consegna (32%)
- semplificazione dei processi di acquisto (14%)
- possibilità di raggiungere più fornitori (12%)

Attualmente la percentuale delle imprese che dichiara di gestire i propri approvvigionamenti anche attraverso internet è del 20% circa, mentre oltre l’80% delle imprese utilizza la rete allo scopo di ricercare nuovi fornitori o fornitori alternativi.

Conclusioni

I dati presentati indicano che, sebbene lenta e graduale, la crescita di Internet come strumento di lavoro e interazione tra azienda e mercato si stia trasformando in un fenomeno irreversibile.

Le necessità di ridurre i costi della promozione tradizionale e di ampliare nel contempo la copertura del mercato, contribuiranno ad accelerare ulteriormente l’adozione delle nuove tecnologie nel breve-medio periodo.

Copyright (c) 2002-2003. Tutti i diritti riservati