Close this notice
logo bridge
ATTENZIONE!
I contenuti di questo sito non sono più aggiornati!
Per trovare le informazioni che cerchi ed essere aggiornato sulle nostre iniziative ti consigliamo di visitare il sito www.bridgepartners.it
 



Materiali

Migliorare il servizio
alla clientela


Nuove tecnologie

Customer Satisfaction
 e servizi on-line

Fare promozione
attraverso
Internet

Princìpi
del Marketing
nell'era della Rete

Multicanalità e
strumenti di vendita

Le competenze per vendere
nell'era digitale

La nuova frontiera
del sito Web

Tecniche di comunicazione digitale

Vendere in tempi di crisi

Integrare vecchi e nuovi strumenti di Marketing


Strategie per la visibilità


Monitorare la concorrenza sulla Rete

Come rendere più fedeli i Clienti con il CRM

Nuovi strumenti del Marketing Relazionale

Reagire alla crisi di mercato

La gestione commerciale nelle imprese italiane

Cosa è il Marketing Relazionale

E-learning fattore di competitività

Il nuovo Marketing business to business


Come rendere più
efficace il sito Web



Internet come strumento di Promozione

Tendenze nel Marketing tra imprese

Il Piano Commerciale

Creare un valore aggiunto per il Cliente

Aumentare l'efficacia dell'azione commerciale

Gestione Commerciale e Marketing nella piccola impresa

Il valore aggiunto della newsletter digitale

Customer Satisfaction e Vision 2000

Vendere o Negoziare?

Il Piano commerciale(seconda parte)

Il Valore della Negoziazione

Come rilevare la Customer Satisfaction

Il Piano commerciale (terza parte)

Marketing Relazionale in Italia

Customer Satisfaction: perchè rilevarla?

Come raccogliere informazioni (I parte)

Il Valore della Negoziazione
(II parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(I parte)

Fattori di successo nei mercati Internazionali
(II parte)

Come raccogliere informazioni
(II parte)

Cosa è il CRM
(I parte)

L'analisi SWO

Fattori di successo nei mercati internazionali (III parte)

Fidelizzare il cliente: la Newsletter

Come gestire il cliente: i vantaggi del CRM (II parte)

Il Modello delle 3 C

Direct Marketing e Web/Digital Marketing a confronto

Perchè è importante investire nell'identità di marcaca?

Il Blog: opinioni e statistiche

La Matrice Mc Kinsey

Ma il tuo cliente è soddisfatto?

La rete è un potente strumento di Marketing: sfruttiamolo al meglio

Sviluppare nuovi prodotti e servizi: istruzioni per l'uso

Suggerimenti pratici per acquisire nuovi clienti

Aprire i mercati esteri: il caso Konsul

Operazione Customer Satisfaction

Il Business Plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali

Sette consigli per una negoziazione più efficace

Lavorare in squadra: quando il team fa la differenza

Il Business plan: ecco lo strumento ideale per pianificare le strategie aziendali (II parte)

Le attività di PR: un elemento della comunicazione integrata d'impresa

Si può davvero imparare a negoziare?

Il ciclo di vita del prodotto (PLC)

Perchè scegliere una politica di segmentazione del mercato?

Come posizionare un prodotto sul mercato?

La gestione di dati e informazioni come fattore competitivo: il caso Laser

Che differenza fa un buon negoziatore?

Le strategie competitive di Porter

Una strategia vincente: il direct marketing

La metodologia del Project Management

Trade marketing e Category management

La Matrice di Ansoff: uno strumento classico del Marketing Management

Identikit del Project Manager

Facciamo chiarezza sulla promozione delle vendite

Dalla strategia corporate alla strategia di marketing

Politiche di canale: strategia push o pull?

Aspetti strategici e organizzativi del trade marketing

La matrice General Electric

Il modello delle "CINQUE FORZE"

E' tempo di studiare

Le decisioni di gestione strategica

Come si struttura il piano di marketing?

Il modello Ashridge

11 motivi per pensare alla pianificazione strategic

L'arte di saper venderea

Una strenna di Natale per i lettori di "Marketing Digitale"

Creare valore: i nuovi strumenti del Marketing Interpersonale

Strategie di posizionamento del prodotto

Come competere con una strategia di differenziazione?

Un modello di marketing relazionale

Ascolto e customer satisfaction

Le strategie complessive

Le principali decisioni di marketing: clienti/offerta

Il Marketing Virale

Stickering - campagne di marketing a tutto brand

Le strategie complessive (II parte)

Guerriglia Marketing - caso IKEA

Controllo delle attività di marketing

Guerriglia marketing: case history (II parte)

Perchè pianificare il marketing?

A cosa serve il White Paper?

Come capire quando la rete interna di informazioni funziona a dovere

Come realizzare un'indagine di customer satisfaction?

Come strutturare e gestire un focus group


Come prevenire una crisi dal punto di vista comunicativo

Strutture organizzative orientate al cliente

Il brainstorming per individuare soluzioni creative

L'intervista come strumento di rilevazione dati

A che cosa serve il budgeting?

Il posto del marketing nell'organizzazione dell'impres

Il ciclo di vita di un progettoa

IDownload: Glossario di Marketing


Richiedi
la Newsletter



Fare promozione attraverso Internet:
istruzioni per l’uso

Nei programmi aziendali di marketing, molte imprese stanno inserendo la voce “Internet”, prevedendo stanziamenti per il miglioramento dei servizi offerti alla clientela.

Si tratta in genere di progetti per la revisione o il miglioramento del sito aziendale, o per l’inserimento di collegamenti all’interno di motori di ricerca o portali di settore, con l’obiettivo di incrementare la visibilità aziendale sulla rete.

Spesso, in fase di pianificazione, si trascura l’inserimento di internet all’interno di un vero e proprio programma di promozione attiva e di fidelizzazione, integrato con  le altre iniziative di tipo “tradizionale” condotte dall’azienda, quali, ad esempio, le fiere di settore.

Il risultato finale è che si perdono delle opportunità che già oggi è possibile cogliere, anticipando la concorrenza e, proprio per questo, potendo muoversi con una certa facilità rispetto a quanto avverrà nei prossimi anni. 

Grazie alla progressiva penetrazione della Rete nel mondo professionale, oggi ogni azienda dispone di un mezzo di comunicazione mirato in grado di raggiungere in modo diretto ed efficace gli operatori interessati a ricevere informazioni e aggiornamenti tecnico-commerciali (installatori, progettisti, costruttori, ecc.).

Non dimentichiamo inoltre che si tratta di strumenti che offrono un eccellente rapporto tra costi e benefici, quando rapportati ad altri mezzi di comunicazione diretta (quali, ad esempio, il mailing tradizionale, il fax-mailing o il telemarketing).

E se qualche dato può aiutare a riflettere, si pensi che in diversi settori, tra i quali quello elettrico, le aziende che per prime hanno previsto l’impiego di questi mezzi a fini di comunicazione promozionale stanno ottenendo valori di “readership” (vale a dire lettura di messaggi aziendali) superiori al 30%. Ciò dimostra le enormi potenzialità di questa nuova branca della comunicazione business-to-business. 

Un piano di promozione per la Rete

Per affrontare con successo l’inserimento della promozione telematica nella propria azienda, occorre in primo luogo definire un programma che contempli gli obiettivi da perseguire, le attività da svolgere (anche in sinergia con altri settori aziendali) nonchè, gli strumenti necessari.
Un quadro di sintesi degli elementi del piano è presentato nella seguente illustrazione:

Il punto di partenza per qualsiasi piano di promozione è la creazione di una banca dati di indirizzi e-mail dei clienti attivi e potenziali (installatori, studi tecnici, costruttori, ecc.) che abbiano manifestato il consenso a ricevere informazioni dall’azienda, così come previsto dalla Legge 675/96 sulla tutela dei dati personali.

Questo è un aspetto di grande rilevanza, in quanto solamente un utilizzo di questi strumenti con la piena accettazione del destinatario può condurre ai risultati esposti in precedenza.


Si tratta di partire, in pratica, con gli indirizzi a disposizione, che andranno costantemente alimentati attraverso una raccolta sistematica da effettuare con modalità diverse: 

  • partecipazione a fiere di settore
    ancora oggi è possibile vedere nelle principali manifestazioni fieristiche riservate ad operatori che molte aziende espositrici, nella compilazione delle schede contatto dimenticano di raccogliere il dato relativo all’e-mail. Occorre prevedere che tutti gli addetti presenti nello stand siano consapevoli del valore di questo dato per la loro azienda. Durante una fiera di settore è possibile raccogliere diverse centinaia di indirizzi di posta elettronica di clienti potenziali: si tratta di un patrimonio che non può essere trascurato;

  • rete di vendita
    una collaborazione costruttiva con la rete di vendita può portare alla raccolta di indirizzi, presso clienti già serviti oppure presso clienti potenziali, che non sono presenti nella Banca Dati aziendale. Il risultato della promozione che verrà effettuata via Web da parte dell’azienda (così come avviene con la pubblicità su riviste di settore) potrà ricadere in modo positivo sulla rete di vendita aziendale attraverso l’incremento del fatturati e delle relative provvigioni.

  • telemarketing
    anche attraverso telefonate dirette agli operatori professionali è possibile rilevarne l’indirizzo di posta elettronica.

  • sito aziendale
    la gran parte ormai dei siti aziendali oggi prevede la possibilità di richiedere ulteriori informazioni. Per aumentare la potenzialità del sito internet quale strumento di raccolta di e-mail, si può proporre la registrazione ad una newsletter informativa in cambio dell’inserimento del proprio indirizzo di posta elettronica.

Avendo a disposizione una banca dati di indirizzi di operatori che hanno manifestato interesse a ricevere informazioni e aggiornamenti,  si tratta poi di definire una strategia di contatto basata su azioni mirate di comunicazione via posta elettronica.

L’impiego della Newsletter

Lo strumento di comunicazione più efficace in un contesto professionale è quello della “Newsletter”. Si tratta di un mezzo utile per trasformare potenziali clienti in clienti effettivi e per fidelizzare i clienti attuali. Essa può infatti essere utilizzata per comunicare novità commerciali quali, ad esempio, promozioni, variazioni di listini, nuovi prodotti, partecipazioni a fiere oppure approfondimenti ed aggiornamenti su argomenti tecnici.

La newsletter può contenere all'interno del messaggio di posta dei collegamenti (link) alle pagine del sito aziendale e quindi è un mezzo potente per mantenere ed incrementare il traffico del proprio sito.

Se il sito aziendale dispone, per esempio, di una sezione interattiva riservata al “Customer Service” virtuale, è possibile farvi accedere i clienti potenziali per ottenerne la registrazione e quindi acquisire ulteriori informazioni sul loro profilo o sulle loro esigenze.

Inoltre il visitatore può essere indirizzato da una newsletter alle diverse aree del sito aziendale contenenti il catalogo completo dei prodotti, le proposte speciali oppure, quando previsto, i servizi per la richieste di offerte o di informazioni tecniche.

L’integrazione tra newsletter e sito aziendale permette di sviluppare un rapporto interattivo con ciascun cliente. Questo è un obiettivo di marketing fondamentale in quanto permette all’azienda di far emergere gli interessi dell’interlocutore e di instaurare con lui un dialogo.

Le preferenze e le esigenze di un cliente acquisito possono variare nel tempo ed è possibile individuare questi cambiamenti attraverso il monitoraggio delle richieste e delle risposte alle azioni di e-mail marketing.

Verso la comunicazione interattiva

La possibilità di sviluppare con ciascun cliente un dialogo nelle due direzioni è ciò che rende straordinariamente efficace Internet come strumento di marketing e comunicazione.

Verificando gli interessi del cliente e plasmando in base a questi il messaggio, si può raggiungere un livello di personalizzazione che nessun altro mezzo tradizionale di comunicazione scritta consente di ottenere.

L’attenzione rivolta alle attese del cliente permette di individuare argomenti di reale utilità e quindi di grande valore aggiunto per il destinatario. Ciò crea interesse e fidelizza nei confronti dell’iniziativa di comunicazione.

Tutto questo, evidentemente, non può essere il frutto di improvvisazione. Da un punto di vista organizzativo occorre che l’azienda interessata a fare promozione con questi mezzi sia preparata adeguatamente e disponga degli strumenti necessari.

Il massimo risultato si ottiene infatti attraverso un utilizzo efficiente della posta elettronica e ciò necessita di supporti che permettano di ridurre al minimo il lavoro manuale connesso con la gestione degli indirizzi e degli invii.

A tale scopo sono state realizzate delle applicazioni software per il “Newsletter marketing” che permettono una facile gestione dei database contenenti gli indirizzi di posta elettronica dei clienti, divisi per categorie. Contemporaneamente, questi programmi permettono di archiviare le newsletter di volta in volta spedite al fine di poterle eventualmente riprendere o modificare per un successivo invio.

Infine la tecnologia oggi permette che un singolo computer possa spedire in automatico migliaia di messaggi contemporaneamente ad un costo irrisorio, se confrontato con quello di altri mezzi di comunicazione.

Una chiave per il successo

Quanto sopra descritto fa intuire che ci si trova di fronte ad un nuovo modo di fare promozione e comunicare.

Da un lato abbiamo uno strumento che, se si desidera, permette di personalizzare il messaggio fino all’estremo, vale a dire per ciascun cliente.

Dall’altro la tecnologia consente di disporre di una potenzialità di lavoro pressoché illimitata. Non vi è molta differenza tra lo spedire un singolo messaggio e l’inviare diecimila e-mail a indirizzi diversi.

Pertanto le opportunità di sviluppo sono davvero elevate per qualsiasi azienda, a condizione che sia disponibile la “materia prima”, rappresentata dagli indirizzi di clienti che abbiano manifestato il consenso a ricevere informazioni.

In questo senso la vera chiave per il successo è rappresentata dalla capacità di tutta l’organizzazione aziendale, dal centralino alla rete di vendita, ad attivarsi per alimentare la banca dati degli indirizzi di clienti attivi e potenziali.

Soltanto un lavoro di squadra ben coordinato permetterà di allargare costantemente il raggio d’azione della comunicazione Internet dell’azienda e di conseguire risultati di rilievo sia nello sviluppo di nuovi contatti che nella fidelizzazione dei clienti acquisiti.


Copyright (c) 2002-2003. Tutti i diritti riservati